Primi 5 sabati del mese - Abbazia Benedettina di Finalpia

Abbazia Benedettina Finalpia
Vai ai contenuti

Primi 5 sabati del mese

Documenti
Primi cinque sabati del mese
Questa dei primi sabati di cinque mesi consecutivi ─ o "primi cinque sabati del mese" ─ è una pratica devozionale mariana della Chiesa cattolica, nata dopo le richieste che la Madonna avrebbe comunicato a Fátima alla veggente Lucia dos Santos.

Origine della devozione
La Madonna di Fátima, nella presunta apparizione del 13 giugno 1917, avrebbe detto a Lucia dos Santos: « Gesù vuole servirsi di te per farmi conoscere e amare. Egli vuole stabilire nel mondo la devozione al mio Cuore Immacolato. »
  Il 10 dicembre 1925 la Vergine sarebbe riapparsa a Lucia, insieme a Gesù Bambino, con un nuovo messaggio: « A tutti coloro che per cinque mesi, al primo sabato, si confesseranno, riceveranno la santa Comunione, reciteranno il Rosario e mi faranno compagnia per quindici minuti meditando i Misteri, con l’intenzione di offrirmi riparazioni, prometto di assisterli nell'ora della morte con tutte le grazie necessarie alla salvezza. »
 Si tratta della "Grande promessa del Cuore Immacolato di Maria".
La richiesta del rito devozionale dei Cinque primi sabati non esclude la  richiesta della Consacrazione della Russia al Mio Cuore Immacolato e la comunione riparatrice nei primi sabati.[...]».
Questo rito dei Cinque primi sabati è un minimo, o uno spunto per assumere l'attitudine a comunicarsi ogni primo sabato.

Particolari della devozione
1. La confessione va fatta entro gli otto giorni precedenti, unendo l'intenzione di riparare le offese al Cuore Immacolato di Maria. Se ci si dimentica di unire tale intenzione, la si può formulare nella confessione seguente.
2. La Comunione va fatta in grazia di Dio, con la stessa intenzione ricordata per la confessione.
3. La Comunione va fatta il primo sabato del mese.
4. La Confessione e la Comunione, fatte il primo sabato del mese, devono essere ripetute per cinque mesi consecutivi, senza interruzione, altrimenti si deve ricominciare da capo.
5. Va inoltre recitata la corona del Rosario, o almeno la sua terza parte, con la stessa intenzione avuta per la confessione e la Comunione.
6. Si aggiunge infine una meditazione di un quarto d'ora sui misteri del Rosario, in unione spirituale con la Madonna.

Lucia avrebbe ottenuto da Gesù la seguente spiegazione relativa alla scelta del numero cinque:
«Si tratta di riparare le cinque offese dirette al Cuore Immacolato di Maria:
1. Le bestemmie contro la sua Immacolata Concezione.
2. Quelle contro la sua Verginità.
3. Quelle contro la sua Maternità divina e il rifiuto di riconoscerla come Madre degli uomini.
4. L'opera di coloro che pubblicamente infondono nel cuore dei piccoli l'indifferenza, il disprezzo e perfino l'odio contro questa Madre Immacolata.
5. L'opera di coloro che la offendono direttamente attraverso le sue immagini sacre»

Qui s'intende la IV parte, dopo l'aggiunta dei Misteri della Luce fatta dal Papa S. Giovanni Paolo  II, per cui le parti del Rosario sono diventate quattro.

Torna ai contenuti