Venerdì Santo16 - Finalpia

Vai ai contenuti

Menu principale:

Venerdì Santo16

Parrocchia > 2016
VENERDI' SANTO
(25 marzo 2016)

"Quando digiuni, profumati la testa e lavati il volto, perché la gente non veda che tu digiuni,
ma solo tuo Padre che è nel segreto; e il Padre tuo, che vede nel segreto, ti ricompenserà". (Mt 6, 18).
GIORNI DI PENITENZA
Giorni di Astinenza dalle carni e Digiuno

Il  Mercoledì delle Ceneri e il  Venerdì Santo sono gli unici 2 giorni dell'anno in cui ogni cristiano è tenuto ad osservare l'Astinenza e il Digiuno.
 
Cosa s'intende per Digiuno ?
Per la Chiesa fare digiuno significa prendere i 3 soliti pasti al giorno (uno normale, gli altri due un po' ridotti) e non prendere nulla fuori pasto (l'acqua e le medicine non rompono il digiuno).

Cosa s'intende per Astinenza dalle carni ?
Mangiare di magro (pesce, uova, formaggio ...)
Un tempo le carni potevano essere una prelibatezza (cioè, un lusso), oggi non più.
Si potrebbe non assaggiare carne e poi rimpinzarsi di ghiottonerie, ma anche un bambino capirebbe che non sarebbe fare penitenza.

Chi è tenuto a queste norme di penitenza ?
Al digiuno: tutti dal 18° anno di età fino al 65°
All'Astinenza: tutti, dopo che si è fatta la I Comunione (non c'è limite di età)
NOTE  sul digiuno e sull'astinenza
- Ovviamente chi fa lavori pesanti è dispensato
- Gli ammalati seguano i consigli del loro medico
- Nel dubbio chiedere ad un sacerdote

Noi facciamo penitenza per il male che abbiamo commesso (cioè, le cattiverie, gli egoismi e le ingiuste soddisfazioni che ci siamo procurate ...).
Ma non solo il male fatto direttamente da noi, ma anche quello fatto dagli altri.
Con le nostre penitenze ci uniamo a Gesù sofferente (nella sua Passione e Morte in Croce).
Lui ha espiato per tutti noi: è giusto che anche noi facciamo qualcosa con ... Lui.
Torna ai contenuti | Torna al menu